Le armi (italiane) non scontentano nessuno

Business non olet - Scambi sempre più intensi e ricchi, con i regni arabi, da Doha a Ryad
Le armi (italiane) non scontentano nessuno

Il piccolo e ricchissimo petro-emirato sunnita del Qatar, finanziatore del jihadismo armato dalla Siria alla Libia, è uno dei principali clienti dell’industria bellica italiana – assieme all’Arabia Saudita e altri Paesi arabi che ora gli voltano le spalle, pur avendo essi stessi sponsorizzato l’estremismo islamico. Il business militare tra Roma e Doha inizia nel 2011, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.