Lavorare gratis non è la cura contro la disoccupazione

Per il sociologo De Masi sempre più persone saranno senza lavoro per colpa della tecnologia: meglio tenersi occupate senza retribuzione. Ma pagare una prestazione è il modo per assicurarsi un minimo di qualità

Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione alla felicità sulla terra. Ma questa è una verità che non molti conoscono”, scriveva Primo Levi. E per tutti gli altri: non sarebbe più utile e interessante giocare? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.