L’austerità è innocua solo se non c’è

A volte gli economisti danno l’impressione di dedicare grandi sforzi per dimostrare, con modelli complessi ed enormi moli di dati, ciò che il senso comune già ha capito. Ci sono però casi in cui questo lavoro risulta utile, soprattutto quando il senso comune è stato plasmato da parole d’ordine prive di basi fattuali. Da anni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.