Laureata e contro la “famiglia”, la figlia del boss si toglie la vita. Il procuratore: “È colpa nostra”

Laureata e contro la “famiglia”, la figlia del boss si toglie la vita. Il procuratore: “È colpa nostra”

“Siamo tutti responsabili del suicidio di Maria Rita Logiudice”. Frasi durissime quelle pronunciate ieri dal procuratore Federico Cafiero De Raho per commentare quanto avvenuto a Reggio Calabria domenica mattina all’alba quando la figlia 25enne di un esponente della cosca Logiudice si è tolta la vita lanciandosi dal secondo piano della sua abitazione. Conoscenti e amici, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.