» Cronaca
mercoledì 05/04/2017

Laureata e contro la “famiglia”, la figlia del boss si toglie la vita. Il procuratore: “È colpa nostra”

Laureata e contro la “famiglia”, la figlia del boss si toglie la vita. Il procuratore: “È colpa nostra”

“Siamo tutti responsabili del suicidio di Maria Rita Logiudice”. Frasi durissime quelle pronunciate ieri dal procuratore Federico Cafiero De Raho per commentare quanto avvenuto a Reggio Calabria domenica mattina all’alba quando la figlia 25enne di un esponente della cosca Logiudice si è tolta la vita lanciandosi dal secondo piano della sua abitazione. Conoscenti e amici, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

Stalliere denuncia il maneggio degli orrori. Lo torturano e gli spezzano le braccia

Cronaca

Italia-Svizzera, crisi diplomatica sulle frontiere chiuse di notte “alla criminalità in arrivo da sud”

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento
Cronaca
Racket in Sicilia - Beffa - Erano stati arrestati il 22 gennaio

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento

L’agente provocatore ci serve
Cronaca
L’intervento

L’agente provocatore ci serve

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×