L’Asinara all’ombra di uno scatto

L’Asinara all’ombra di uno scatto

“La luna d’agosto, la notte che corrode i contorni delle case, dei ruderi, degli alberi. Il buio che tutto livella ed eleva a macchia. E nessuna è più solo una foto, la ripresa di qualcosa di esistente. Ma è come l’impressione di uno sguardo sfuggente. Come un rincorrersi di “guarda lì, guarda là, hai visto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.