Lasciatemi urlare contro l’Italia

L’invettiva - Ormai dovrei averci fatto l’abitudine alla merda che tu, Italia, riservi a chi è come me. A chi si impegna, dà il massimo, fa più di ciò che dovrebbe, lo fa con rettitudine. Tu gli riservi questo: merda

Cara Italia, questo è un urlo di rabbia. E mentre ti scrivo le lacrime mi offuscano la vista e mi rigano le guance rosee perché la rabbia, la sofferenza e la delusione portano a questo. Delusione. Bella parola, vero? Beh, tu sei questo per me, delusione. Ed anche mediocrità. Perché forse questa mia lettera verrà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.