L’armata dei delfini suicidi che rifiutano i nuovi padroni russi

I mammiferi addestrati dagli ucraini si sarebbero lasciati morire per non ubbidire all’esercito di Putin che governa la penisola
L’armata dei delfini suicidi che rifiutano i nuovi padroni russi

Sono morti difendendo il paese. “Sono morti da valorosi patrioti. Non si sono piegati all’invasore russo, non hanno obbedito ai suoi ordini”, ha scandito commosso Boris Babin, inviato speciale per la Crimea del presidente Petro Poroshenko. Non si riferiva ai soldati del suo esercito gialloblù che continuano a morire ogni giorno nelle trincee del Donbass, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.