L’aretino Licio Gelli, che disse Sì alle riforme prima di Renzi

Meno di un anno fa, moriva il Venerabile della loggia Propaganda 2 Nel suo piano massonico anticipò i capisaldi del Partito della Nazione: dall’abolizione dell’articolo 18 alla fine del bicameralismo. Il revisionismo sulla sua figura è un omaggio ai fan della nuova Carta
L’aretino Licio Gelli, che disse Sì alle riforme prima di Renzi

Giunse alfine, il giorno in cui rivalutare la figura e l’opera di Licio Gelli, l’indimenticato Gran Maestro della loggia massonica Propaganda 2 cui era iscritto pure Silvio Berlusconi. Un revisionismo che vuole dare un utile, prezioso contributo ai nostri amici renziani che si battono per la causa del Sì. In fondo, Gelli, che cosa voleva? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.