L’antisemitismo Prêt-à-porter

Dovremmo cominciare a fare i conti con quella regola universale della psicologia democratica per la quale il razzismo è sempre la malattia del vicino. Era razzista la Svizzera con i nostri immigrati (ma per quanto male fossero trattati, essi godevano di una condizione migliore di quella che aspetta chi oggi emigra in Italia). Sono razzisti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.