L’Antimafia s’arrende: lascia gli impresentabili

La commissione non vigilerà sui grandi Comuni: “Non abbiamo gli strumenti”
L’Antimafia s’arrende: lascia gli impresentabili

Quelle di domenica sono elezioni fantasma. Non ne scrivono i giornali, non ne parlano i partiti e non se ne occupa nemmeno la commissione Antimafia, ovvero l’organo parlamentare che dovrebbe verificare lo status giudiziario dei candidati e indicare gli “impresentabili”, coloro che hanno condanne o processi di rilievo a carico. Ricorderete le elezioni Regionali del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.