L’antieroe sovietico di Barnes è sempre pronto per i gulag

Sul pianerottolo in “attesa” della polizia di Stalin, il compositore Dmitrij Shostakovic è esemplare per obbedienza, anche di fronte alla purga del capo
L’antieroe sovietico di Barnes è sempre pronto per i gulag

Il nuovo romanzo di Julian Barnes (Leicester, classe 1946), fin da subito, rende simbolicamente omaggio a un grande poeta russo che non sopravvisse all’“epoca dei lupi” dello stalinismo e ne fu schiacciato, inghiottito per sempre dal buco nero dei gulag. Il rumore del tempo è infatti anche il titolo di una raccolta di prose autobiografiche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.