L’anno in cui la radio stregò l’Italia (di nuovo)

Effe emme - 35 milioni di ascoltatori, in crescita del 2,1%
L’anno in cui la radio stregò l’Italia (di nuovo)

“Radio killed the radio star” e ci prova anche con la concorrenza, con buoni margini di successo. Non solo il mezzo ha resistito meglio di altri all’onda d’urto dell’innovazione tecnologica, ma porta a casa anche soddisfazioni in termini di pubblico e di investimenti. Secondo i dati Radiomonitor di Gfk rilasciati a febbraio, in Italia sono […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.