Lampedusa cambia pelle: “Tanti furti, basta migranti”

L’isola che non c’è più - Era simbolo dell’accoglienza, ora il sindaco Martello lamenta: “I tunisini rubano frutta e molestano i turisti” E Micari gli dà ragione
Lampedusa cambia pelle: “Tanti furti, basta migranti”

L’isola dell’accoglienza non c’è più. La cartolina spedita ieri da Lampedusa annulla le distanze tra lei e l’Italia: nei giorni del trionfo del minnitismo, la tolleranza verso chi arriva dall’Africa è diventata un lusso che nessuno si permette più. Il sindaco Salvatore Martello ha voltato pagina e chiuso quella stagione: “Non ce la facciamo più, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.