L’Amore beckettiano fa ridere i giovani e piangere i vecchi

All’Elfo la commedia di Spiro Scimone, l’antica tenzone tra sentimento e morte, ambientata in un cimitero, in mezzo a tombe e cipressi, con protagoniste due anziane coppie
L’Amore beckettiano fa ridere i giovani e piangere i vecchi

Solo i giovani hanno di questi momenti: lavarsi insieme i denti, baciarsi, riscaldarsi sotto le lenzuola, essere gelosi, soffrire per amore, andare in ferie, viaggiare, fare le “solite cose” di letto, benché in fretta e male. Ai vecchi restano i ricordi e la vergogna, perché ridicolo sarebbe abbandonarsi all’amplesso calandosi il pannolone anziché le mutandine, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.