L’ambasciatore torna al Cairo e porta pena

Caro Furio Colombo, molti erano ansiosi per la sospensione, almeno apparente, dei rapporti fra Italia ed Egitto. Molti, con molti affari. Gli egiziani avevano ucciso un italiano (Regeni, il giovane ricercatore di Oxford) e gli italiani avevano “richiamato l’ambasciatore”. Si fa per esprimere “indignazione, preoccupazione, profondo dissenso” (cito dal corso frequentato per essere ammesso alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.