L’allegra Lambada dell’amor perduto

L’allegra Lambada dell’amor perduto

Non c’è chi non l’abbia ballata. E non c’è chi non l’abbia cantata. Ma soprattutto, non c’è nessuno che l’abbia capita. Almeno allora. Ché ora – a distanza di quasi trent’anni dall’uscita nel 1989 della Lambada – siamo tutti emancipati, parliamo almeno tre lingue di cui una caraibica o carioca, nel caso specifico, e soprattutto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.