L’Alchimia è un sistema complesso. Ma ironico

Max Gazzè porta nei teatri la sua opera “sintonica”, una fusione di orchestra e sintetizzatori: “Un concept nato dalle mie ricerche, dalla Bibbia ai Rotoli del Mar Morto”
L’Alchimia è un sistema complesso. Ma ironico

Alchemaya, un nome che è già tutto un programma quello della primissima prova teatrale di uno dei cantautori più interessanti, produttivi e istrionici del panorama musicale italiano. Max Gazzè, reduce dalla tournée mondiale del disco campione d’incassi Maximilian, ha debuttato il 3 aprile al Teatro dell’Opera di Roma (sold out) con un lavoro che, data […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.