L’Agenzia degli errori: il tritacarne tributario da cui è (quasi) impossibile difendersi

L’Agenzia degli errori: il tritacarne tributario da cui è (quasi) impossibile difendersi

Il fisco è semplice ed è un amico. Almeno così ci viene ripetuto come un mantra. Ma se con la mano destra questo gran amicone promette più collaborazione suggestionando l’opinione pubblica attraverso l’abuso di termini inglesi – compliance (adempimento spontaneo), cooperative compliance (adempimento collaborativo) o voluntary disclosure (emersione volontaria), è con la mano sinistra che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.