L’affaire della movida milanese tra blitz neofascisti e capimafia

Dal 2017 sono 152 i locali che la Questura ha fatto chiudere per la presenza di pregiudicati, risse o episodi di sangue. Corso Como è l’ultima frontiera di un’onda nera che lega i boss alla curva dell’hockey rossoblù
L’affaire della movida milanese tra blitz neofascisti e capimafia

Lame e movida, di mezzo un bel po’ di estrema destra e qualche non rara presenza mafiosa di peso. Il cocktail è robusto. E non manca di preoccupare. Milano si scopre vulnerabile, ferita nel suo brand più noto, quello del divertimento notturno. Non solo spritz, ma anche sangue e coltelli, serviti troppo spesso e troppo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.