La vita è un bunker e la pena infinita

La vita è un bunker e la pena infinita

Probabilmente se oggi uno scrivesse, per il teatro, “siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i sogni” non sarebbe capito; al più, passerebbe per pretenzioso: esagerato! Lo slogan va giusto bene per una réclame di auto dal nome shakespeariano. Con le debite proporzioni, tale è lo spaesamento dello spettatore di fronte a Fine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.