La vita e la morte anche nello sport

Immagini gioiose dei sessantamila bipedi in corsa a New York in un vitalismo etimologicamente commovente, nella maratona più fascinosa del pianeta, multicolori non tanto o solo per le loro canottiere bensì per la loro pelle. È la vita travestita da sport, qui un insieme certo di agonismo effervescente in memoria di Fidippide e del ricchissimo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.