La vita è altrove: l’esistenza laterale di un fabbricante (fallito) di buste

La vita è altrove: l’esistenza laterale di un fabbricante (fallito) di buste

Ci sono quattro pagine di ticchettii, sibili, respiri meccanici di strumenti dalla finalità misteriosa: anche quando l’inquadratura si allarga ai tetti della città, continua ossessivo il “ta-tlak”. Perché finché il business funziona, è l’unica storia nella vita del piccolo imprenditore, prigioniero del possesso dei mezzi di produzione almeno quanto i dipendenti lo sono del padrone. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.