La vita dopo la morte non sarà mai la stessa

La vita dopo la morte non sarà mai la stessa

È un’elegia commovente e dolorosa il nuovo romanzo di Yari Selvetella, Le stanze dell’addio. Perché di morte si parla, quella della moglie, mancata nel gennaio 2013 per colpa di una malattia del sangue incurabile. Ma è possibile, c’è da chiedersi, trasferire un evento così strettamente privato e tanto poco lontano nel tempo in una narrazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.