“La Vigilanza fece carte false per fermare l’affare di Bim”

Notizie sbagliate (anche giudiziarie) e controsensi nelle lettere di Bce e Bankitalia
“La Vigilanza fece carte false per fermare l’affare di Bim”

Il 16 giugno 2015 il capo della vigilanza bancaria europea Danièle Nouy scrive alla cordata di investitori guidata da Pietro D’Aguì di non averle autorizzato l’acquisto di Banca Intermobiliare (Bim) da Veneto Banca. Allega il provvedimento di diniego, firmato dal presidente della Bce Mario Draghi, che di fatto riproduce la proposta di decisione negativa formulata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.