La vergogna per i problemi economici, il raptus: uccide i figli e poi si ammazza

L’uomo doveva andare a firmare per l’acquisto dell’attico che la famiglia sognava
La vergogna per i problemi economici, il raptus: uccide i figli e poi si ammazza

Una parola. Bastava una parola. Ma Gabriele non è riuscito a dirla. Ha deciso di uccidere i suoi due figli e di suicidarsi piuttosto che deluderli e raccontare la verità. “Ha usato un martello”, dicono i pm. Ma la vera arma del delitto non la troveranno mai: è il silenzio. Come nel romanzo L’avversario di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.