La vendetta social del baby boss

Napoli - Ferito dai rivali, dall’ospedale posta su Fb la minaccia: “Infami, solo un graffio”
La vendetta social del baby boss

La vendetta è un piatto che si annuncia sui social network. La vendetta come valore della camorra che non perdona. La vendetta che imprime il principio del più forte. La vendetta che cova un ragazzo di 16 anni di Napoli, figlio di un boss dei Cavalleggeri. Ferito in un agguato da due colpi di pistola […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.