La “trumpiana” che sogna la Casa Bianca

Da avversaria politica ad ambasciatrice all’Onu per il magnate
La “trumpiana” che sogna la Casa Bianca

“Se la Siria userà ancora armi chimiche, gli Usa hanno il colpo in canna e sono pronti a sparare”: parole da gente del Sud degli Stati Uniti, tosta e per nulla diplomatica, cresciuta nel culto del secondo emendamento della Costituzione statunitense, quello che consente a ognuno di possedere e portare un’arma. La frase, che ha […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.