La trappola dell’identità

Idee confuse - L’interesse per l’economia e per la politica estera è svanito, restano le questioni di genere e ambientali, i migranti sono i nuovi ultimi per cui combattere, dopo l’abbandono della classe operaia

Come in un gioco di immedesimazione, le forze politiche progressiste sembrano ogni giorno più ossessionate da tutto ciò che è marginale. Che si tratti di minoranze o gruppi vulnerabili da difendere, questo atteggiamento ha origine in una visione politica che ha fatto dell’io e delle sue volatili definizioni un simbolo sacro. La “politica identitaria” è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.