La tassa sul fumo che serve allo Stato e a Philip Morris

Il decreto - Il Tesoro studia un aumento delle accise che porterà 200 milioni di gettito e aiuterà la multinazionale a recuperare clienti
La tassa sul fumo che serve allo Stato e a Philip Morris

Nuovo round nella guerra del tabacco, dove i profitti del settore dipendono dalle decisioni della politica: il ministero del Tesoro sta per emanare un decreto che rivede la struttura dei prezzi delle sigarette. L’obiettivo è trovare 200 milioni di euro che potrebbero contribuire alla manovra chiesta dall’Unione europea (3,4 miliardi entro la primavera). Ma questo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.