» Cronaca
mercoledì 23/05/2018

Omicidio Mattarella, la targa trovata nel covo dei Nar e il verbale del generale Mori: in un libro i misteri del delitto

“Ombre nere” - Il mistero del ritrovamento in un covo dei Nar solo alla seconda perquisizione: i reperti sono poi scomparsi a Palermo

Due spezzoni di targa con i numeri che mancano da quelle utilizzate dai killer di Piersanti Mattarella trovati in un covo dei Nar solo alla seconda perquisizione. E uno strano verbale firmato dal generale Mario Mori. In “Ombre nere’’ di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza (Rizzoli), in libreria dal 15 maggio, la ricostruzione del delitto che, dopo Moro, segnò la fine della solidarietà nazionale aprendo di fatto la strada al rampantismo craxiano.

Il 15 ottobre 1982 i carabinieri di Torino ricevono la segnalazione e localizzano il covo in un appartamento al quarto piano di via Monte Asolone n. 63. I militari (…) il 20 ottobre fanno irruzione: non trovano nessuno, ma sequestrano armi, munizioni, bombe e alcune targhe. Nessuna di queste è contrassegnata con la sigla “PA”. (…) La sera del 25 ottobre – dopo avere visto una luce nell’appartamento al quarto piano di via Monte Asolone – decidono per una seconda irruzione e per una nuova perquisizione che coinvolge anche gli stabili attigui ai civici 59 e 61. Spuntano le due targhe di Palermo citate da D’Ambrosio.

Nel primo verbale di sequestro, firmato dal capitano dei carabinieri Giorgio Tesser e dal capitano Augusto Ambroso, e datato 20 ottobre, risultano elencate diverse targhe, provenienti da varie parti dell’Italia, ma nessuna palermitana. Nel verbale del 26 ottobre, firmato dal solo capitano Tesser, e composto da otto pagine, compaiono i due spezzoni di targa provenienti da Palermo e “una scatola per cartucce cal. 38 special marca Geco, verosimilmente acquistate in Francia”. Come mai?

Le indagini, mai fatte allora, vengono avviate a distanza di anni e una verifica al Pubblico registro automobilistico rivela che la targa PA 563091 esiste davvero ed è associata a una Renault 14 TS intestata a una donna, tale Rosalia Lombardo, nata a Palermo il 19 maggio 1938 e residente a Palermo in via Ruggero Marturano n. 22. La storia della targa è registrata nel fascicolo delle trascrizioni, dove si apprende che l’anno successivo alle perquisizioni in via Monte Asolone, il 17 giugno 1983, si procede a un rinnovo “per smarrimento”. In quella stessa data si registra una dichiarazione di vendita, rilasciata quattro giorni prima (il 13 giugno 1983), per procura, dall’intermediario Francesco Paolo Vinti a una certa Rosalia Rizzo, nata a Palermo il 20 marzo 1936, e residente in via Chiappara 107, che acquista la vettura per 2 milioni e 800 mila lire. La macchina, insomma, viene venduta il 13 giugno 1983.

Per una curiosa coincidenza, è lo stesso giorno in cui a Roma, l’ufficiale dei carabinieri Mario Mori, addetto all’epoca all’antiterrorismo, dopo aver ricevuto tutto il materiale sequestrato nel covo dei Nar, redige un terzo verbale che raccoglie solo alcuni reperti (dal n. 35 al n. 97, ma con una sequenza irregolare) annotati nel secondo verbale: tra questi, al n. 42, i due spezzoni di targa provenienti da Palermo (PA e PA563091), e al n. 81 la scatola di cartucce calibro .38 special, marca Geco. Gli oggetti elencati da Mori in questo terzo verbale, qualche anno dopo, nel 2004, andranno al macero. Gli altri oggetti (circa un centinaio) sequestrati in via Monte Asolone, invece, sono tuttora custoditi nell’Ufficio corpi di reato di Roma.

Di quelle targhe non si occupa più nessuno fino all’8 settembre 1989, quando D’Ambrosio nella sua relazione, attribuisce alla coincidenza dei numeri, sia pure collocati in una sequenza diversa, una “stupefacente singolarità”. Il 2 novembre 1989 il presidente della terza sezione della Corte d’assise d’appello di Roma, dottor Giulio Franco, invia il reperto n. 42, ovvero le due targhe automobilistiche di Palermo, ai magistrati palermitani Gioacchino Natoli (all’epoca giudice istruttore) e Giusto Sciacchitano (all’epoca sostituto procuratore), titolari delle indagini sul delitto di via Libertà. “La targa PA 563091, lo ricordo perfettamente” dice Natoli, uno dei pochi che la ebbe materialmente a disposizione, “era integra e non ricomposta, e ricordo che ne diedi atto anche a verbale”. Da quel momento i due reperti vengono collocati nell’Ufficio corpi di reato di Palermo, da dove misteriosamente spariscono (…).

Si tratta di elementi che (…) verranno probabilmente approfonditi nel processo a Cavallini per la strage di Bologna (…).

Le domande, a questo punto, sono tante: perché queste anomalie? Chi ha fatto sparire le targhe, e per quale motivo? Salvate a Roma, perdute a Palermo, quelle targhe rappresentano ancora oggi un rompicapo per chi voglia rileggere il delitto Mattarella.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Decisione in Cassazione

Ustica, lo Stato deve risarcire l’Itavia fallita dopo la strage

Il Ministero della Difesa e quello delle Infrastrutture devono risarcire la compagnia aerea Itavia fallita dopo l’abbattimento del suo Dc9 caduto in mare il 27 giugno 1980 con 81 vittime per “l’esplosione esterna dovuta a missile lanciato da altro aereo”. Motivo della condanna, decisa dalla Cassazione, l’”omessa attività di controllo e sorveglianza della complessa e pericolosa situazione venutasi a creare nei cieli di Ustica”. Tra qualche mese la Suprema Corte stabilirà se 265 milioni di euro siano una cifra congrua. “Inammissibile” è stato dichiarato, dalla Sezioni Unite civili della Cassazione, il ricorso con il quale Difesa e Infrastrutture hanno contestato di essere responsabili della caduta del volo I-Tigi – partito 38 anni fa da Bologna e diretto a Palermo – per “fatto illecito” costituito dall’omesso controllo dei cieli, così come stabilito dalla Corte di Appello di Roma con due distinti verdetti del 2012 e del 2013 nei quali i magistrati capitolini avevano dato il via libera alla richiesta risarcitoria. La compagnia aerea, costretta a chiudere i battenti, era stata fondata dall’imprenditore marchigiano Aldo Davanzali, morto nel 2005. A prendere il testimone nella battaglia contro lo Stato erano state le figlie Luisa e Tiziana.

Politica

Gli uomini del Tav insistono: “L’Italia paga di più ma va fatta”

Cronaca

La pacifica invasione di padre Ladiana nelle “zone franche” dei clan di Bari

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×