La sinistra alla prova dei conflitti invisibili

Lo stile di vita “imperiale” dei Paesi ricchi è possibile solo perché i costi, ambientali e sociali, vengono esternalizzati. Ma non durerà
La sinistra alla prova dei conflitti invisibili

Il 15 ottobre scorso facevano trent’anni dall’assassinio di Thomas Sankara (1949-1987), capo rivoluzionario e poi presidente del Burkina Faso, colui che per primo volle far uscire il suo Paese dal retaggio coloniale francese e dal nuovo imperialismo di Fmi e Banca mondiale, nazionalizzando le terre e le risorse minerarie, varando un programma di autosufficienza, mirando […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.