La selezione naturale in forma di app: in pochi sopravvivono al “Darwin’s game”

Gli autori manga riescono a usare la tecnologia nelle loro storie
La selezione naturale in forma di app: in pochi sopravvivono al “Darwin’s game”

I fumetti hanno un grosso problema con la tecnologia: faticano a integrarla in schemi narrativi consolidati dove l’innovazione rischia di stravolgere i personaggi al punto da renderli irriconoscibili. Basta seguire i tentativi che da anni si susseguono di spiegare dove tiene il cellulare l’Uomo Ragno quando si lancia tra i grattacieli di New York o […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.