“La scuola cade a pezzi ma a rischiare siamo noi”

Gli edifici sono degli enti locali. I soldi non ci sono, ma in caso di incidenti è colpa dei presidi
“La scuola cade a pezzi ma a rischiare siamo noi”

Non di soli docenti è fatta la scuola: a rotazione, le vittime di anni di riforme si presentano a chiedere il conto. Stavolta tocca ai dirigenti scolastici che guidano la campagna “Liberare la scuola”: troppe responsabilità, troppa burocrazia e troppe scuole da gestire i punti problematici, a cui si aggiunge il blocco degli stipendi. Nonostante […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.