La Ruota delle Meraviglie. Per rivedere (il vero) Woody, meglio il prossimo

La Ruota delle Meraviglie. Per rivedere (il vero) Woody, meglio il prossimo

Gira la ruota gira e Woody Allen vi scompare nei suoi meccanismi, tragici e colorati. Al suo cinquantunesimo lungometraggio, l’eterno regista newyorchese sceglie la Coney Island degli Anni 50 per ambientare il melodramma di una donna infelice. Mentre là fuori La Ruota delle Meraviglie del parco dei divertimenti più iconico del mondo continua imperterrita il […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.