La rottamazione di Schäuble come metafora dell’Europa

Avete presente Wolfgang Schäuble? Esatto, è quel signore che fa il ministro delle Finanze di Angela Merkel dal 2009 e ci è stato descritto, a ragione, come l’alfiere del rigore, l’uomo che nell’interesse tedesco ha sorvegliato affinché l’opera di incaprettamento dei Paesi della periferia d’Europa marciasse senza ostacoli. Già Stalin, d’altronde, ci aveva spiegato che […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.