La rivoluzione non è un pranzo di gala, soprattutto nel fumetto di Li Kunwu

Mao, la propaganda e la violenza nel memoir di un artista cinese
La rivoluzione non è un pranzo di gala, soprattutto nel fumetto di Li Kunwu

Uno dei migliori graphic novel sulla Cina è Shenzen, del cartoonist canadese Guy Delisle: il format è quello dell’occidentale curioso e stupito che scopre un mondo molto più ostile e difficile da decodificare di quello che pensava. Ma è una visione sempre parziale e, appunto, occidentale. Il racconto dall’interno è molto più raro. Una vita […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.