La “Riforma” che moltiplica gli inciuci

Le capacità di elaborazione politica del premier sono costantemente sorprendenti, in negativo. Anche se cerca di personalizzare al massimo non si trova mai solo. Il corteo dei corifei è affollato. Hai visto mai che ci scappa qualche posto in Parlamento, alla Corte costituzionale, in qualche comitato, persino alla direzione di un quotidiano o come editorialisti […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.