La resa di Juncker: sull’Ue decidono solo i governi

Nell’atteso “libro bianco” sul futuro dell’Europa la Commissione non si schiera
La resa di Juncker: sull’Ue decidono solo i governi

L’applauso più lungo dal Parlamento europeo, quasi un’ovazione, Jean Claude Juncker lo raccoglie quando ricorda il suo impegno a non ricandidarsi per un secondo mandato nel 2019. L’accoglienza del “libro bianco” presentato dal presidente della Commissione ieri a Bruxelles è stata di grande delusione: doveva essere un documento di rilancio dell’Unione europea, un ambizioso sforzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.