La Repubblica degli italiani va governata tutti insieme

Il bipolarismo e le divisioni nette non sono mai riuscite ad attecchire davvero in un Paese che si è retto a lungo sulla “democrazia consensuale”, che non era affatto fragile o incapace di decidere come ci dicono adesso

Nonostante i suoi molti e gravi vizi, la nostra è stata la Repubblica degli italiani, la Repubblica che abbiamo riconosciuto al di sopra dei contrasti politici e sociali, delle diversità culturali e linguistiche e delle barriere geografiche. La ragione della sua forza unificante è da rintracciare nella “svolta di Salerno” quando, all’indomani dell’8 settembre 1943, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.