La “repressione” dopo Moro e la “prevenzione” tedesca

La “repressione” dopo Moro e la “prevenzione” tedesca

Durante i cinquantacinque giorni del sequestro Moro, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa venne posto alla guida di un nuovo reparto antiterrorismo. L’apparato fu diviso in una decina di sezioni speciali “in grado di agire senza limiti e vincoli territoriali”. (…) Dal 10 al 16 maggio 1978 sull’onda emotiva dell’assassinio di Moro, la Camera discusse […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.