La reliquia e il potere di ricomporre la vita e l’amore disperso

Antonio Castronuovo ha scritto “Ossa, cervelli, mummie e capelli”, una godibile galleria di “pezzi” umani tra devozione e feticismo. A partire dal cadavere di Lenin
La reliquia e il potere di ricomporre la vita e l’amore disperso

Il mondo dell’inesattezza è sterminato”, scrisse Giorgio Manganelli. In quel diaframma tra il vero e il falso, dove alberga tutta una genìa di numi non pastorizzati, abita la pletora dei frammenti umani. Pezzi di cadaveri, ossa, cervelli, cuori, capelli, denti, arterie, dita, occhi: una diaspora incessante di organi umani ricopre la terra, incurante delle secolarizzazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.