La “razza” di chi non tornò e la stirpe di quelli che dimenticano

Ricorda la neo senatrice a vita Liliana Segre che 896 cittadini milanesi di religione ebraica furono vittime del nazifascismo e che dai lager ne ritornarono una manciata. Ricorda Mario Delpini, arcivescovo di Milano, che le leggi razziali passarono tra l’indifferenza pavida degli italiani e che oggi la parola razza rischia di dominare l’attuale campagna elettorale. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.