La rabbia per Trump fa fuoco e lui si scopre “mediatore”

Un ferito a Portland. Il futuro presidente: non userò l’accetta su caso email e Obamacare
La rabbia per Trump fa fuoco e lui si scopre “mediatore”

Spari nella notte a Portland. E, per la prima volta, scorre il sangue, nelle manifestazioni di protesta per l’elezione di Donald Trump a 45° presidente degli Stati Uniti, che il weekend non arresta. Anzi, 10 mila persone si danno appuntamento a Manhattan per quello che dovrebbe essere il corteo più imponente finora svoltosi: “Fermiamo Trump […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.