La purga infinita: Erdogan e l’incubo della rete gulenista

Ennesima retata - Mille sospetti affiliati all’avversario del Sultano finiscono in carcere, per l’accusa era una sorta di polizia parallela
La purga infinita: Erdogan e l’incubo della rete gulenista

La Turchia rimane nell’occhio del ciclone non solo per il controverso risultato del referendum costituzionale del 16 aprile: sospetti brogli che la Corte suprema elettorale (Isk) ha tuttavia accettato come legali, cambiando le regole a “gioco” concluso. La notte scorsa, le forze dell’ordine hanno compiuto l’ennesima retata di presunti “gulenisti”, gli affiliati della potente lobby […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.