La prima luce di Neruda, una lezione sull’arte sempre nemica del potere

Il romanzo di Ruggero Cappuccio, occasione per riflettere su un tema attuale fin dall’antichità
La prima luce di Neruda, una lezione sull’arte sempre nemica del potere

Il bel nuovo romanzo di Ruggero Cappuccio La prima luce di Neruda (Feltrinelli, pp.170, euro 15) incomincia con l’espulsione del poeta dall’Italia annunciatagli a Napoli nel 1952. Una levata di scudi del Partito comunista e di molti uomini di cultura l’impedì. In quell’occasione Neruda conobbe a Roma Matilde Urrutia, che gli sarebbe stata moglie e, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.