La preda Mosul e i litigiosi alleati contro il Califfo

La buona notizia è che l’offensiva per strappare all’Isis Mosul – “capitale” irachena di Daesh da giugno 2014, a maggioranza sunnita – è iniziata; la cattiva è che, toni trionfalistici del governo di Baghdad a parte (“la sconfitta per l’Isis è imminente”) per cacciare i jihadisti “ci vorranno settimane, forse più”. Parola del generale Stephen […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.