La politica si è fermata a Vicenza

La politica si è fermata a Vicenza

Dove erano le autorità di vigilanza mentre la Banca Popolare di Vicenza veniva distrutta? In che modo il presidente viticoltore Gianni Zonin e gli altri vertici hanno rovinato i 120 mila soci e mandato in fumo 6 miliardi? Perché nessuno si è accorto di nulla? In un Paese in cui il risparmio è tutelato dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.