“La paura”: monologo splendido e persino ironico, dedicato all’orrore della guerra

“La paura”: monologo splendido e persino ironico, dedicato all’orrore della guerra

S’intitola “La Paura” lo splendido monologo di un attore di cui sentiremo parlare (almeno si spera): l’italo-irlandese Daniel Dwerryhouse, che interpreta da solo per oltre un’ora al teatro Argot Studio di Roma (fino a domenica) un testo di Federico De Roberto ambientato in una delle tante trincee italiane mal protette della prima guerra mondiale finita […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.