La partita delle liste: Pd senza primarie, M5S col rischio web

I metodi per le candidature. I dem sceglieranno in una stanza, i 5Stelle votando su Rousseau ma con nuovi filtri
La partita delle liste: Pd senza primarie, M5S col rischio web

Il Pd rinnega le primarie. Anche se le selezioni nei gazebo sono previste dallo Statuto, e proprio Matteo Renzi le invocò quando voleva fermare Bersani. Mentre il M5S sceglierà ancora tramite il web. Ma con accortezze e precauzioni, perché il tempo passa. Così i due partiti più distanti tra loro si apprestano a selezionare i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.