La pagliacciata del voto sull’autonomia lombarda

Caro Enrico, ieri non ho votato. Il quesito proposto mi è parso superfluo, pretestuoso. La Regione Lombardia a guida leghista con Roberto Maroni chiedeva a noi lombardi (ci provò già nel 2007 Roberto Formigoni, ma fallì) se eravamo d’accordo per una maggiore autonomia, considerata “la sua specialità”, manco fosse un ristorante. A parte l’aggrovigliato lessico, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.